DONJON_Julianne

Amare al giorno d’oggi è possibile anche se ti pignorano l’attività: Titta e Gino ci raccontano come hanno trovato il vero “ammore” in tempo di crisi

“Ero ormai attratta da ragazzi cerebrobesi, tanto che non capivo più se ero io a farmi di lsd tutti i giorni o se stavo ingrassando a furia di guardare gente senza cervello . Decisi dunque di andare da un’amica estetista che di secondo lavoro faceva la psicologa (poi è stata arrestata per menzogne a pubblico ufficiale) per parlarle della mia snaturata incapacità di avere perversioni alla ‘Vice’ come invece tutte le mie amiche moderne del resto”

Questo il racconto toccante di Titta che ha trovato in Gino l’ammore della sua vita “Quando ho visto Gino è stato subito ammore. Gino è obesocerebro. Un carattere diverso dagli altri ci dice Titta mentre si mette un po’ di rossetto sulle sopracciglia “L’oroscopare subito mi ha reso partecipe di questo sogno, nemmeno Paolo Fox prima era stato così capace di svelarmi Gino, un obesocrebro che è davvero entrato come un fulmine nella mia vita”

Il compagno Gino, che di professione fa il barista in un negozio di lamponi e liquori ha confermato la versione di Titta “Io le mia compagna andiamo ammore, facciamo scampagnate e scampanellate tutti i giorni. Dove ci siamo incontrati? Sotto un albero, un fulmine ci ha presi in pieno mentre io andavo a cercare more e lamponi per il mio bar che è stato pignorato…”

Poi, l’autentica rivelazione della ormai consolidata coppia “Quando un fulmine si è spatasciato su un albero” ci racconta Gino “ tutto il tronco ci è caduto sulla scatola cranica, mentre il ramo ci scassinava tutto l’osso, del collo e della cervice dei neuroni, ci siamo guardati e baciati, ed è lì che un fulmine oltre all’albero ci ha colpiti, e abbiamo deciso di andare ammore per fare in modo che il mio bar potesse di nuovo dare reddito ad un pignoramento che iniziava ad essere scarno e di poco interesse per tutta una serie di creditori ai quali voglio ancora bene”

Leave a reply