sindacati ricchi

Ma quanto sono “ricchi” i sindacati? Cgil Cisl e Uil ecco quanto incassano

I sindacati pare proprio siano ricchissimi, da un’indagine eccellente dell’Espresso esce fuori un quadro che spiazza un po’ il cittadino italiano, sempre meno disposto ad ascoltarli alcuni sindacalisti ma sempre generosamente convinto della loro umile vita passata nelle trincee delle più disparate fabbriche dello stivale. Eccolo smentito il cittadino italiano, appare infatti planato su un’altra dimensione, quella del business dei sindacati, tante tessere come tasselli di un puzzle milionario.

Se l’ex segretario Cisl Raffaele Bonanni dimessosi a fine 2014, post nomina, incassava uno stipendio di 336 mila euro qualche gruzzolo da cui attingere un sindacato “roccioso e operaio” come Cisl avrà dovuto pur averlo si è pensato. Ma i dossier che ne testimoniano gli importi dei manager di Cisl Uil e Cgil sono assai segreti, come la trasparenza che invoca ogni mese Susanna Camusso. Quanto prendono? Anche Renzi fa le bizze “i sindacati hanno un sacco di soldi!”.

Certo è che un tesoro illustre è a calcoli fatti rischiarato dall’ammontare del valore delle tessere. Non è dunque nemmeno molto difficile effettuare una presunzione del tesoretto dei nostri sindacati… i bilanci dei 3 big nostrani dichiarano in toto di aver incassato nell’ultimo anno circa 68 milioni di euro, sarà vero?

Non proprio forse, a meno che la stessa matematica non abbia qualcosa da nascondere. I sindacati chiedono per l’iscrizione lo 0,80 per cento della retribuzione annua a tutti coloro che sono lavoratori attivi e la metà ai pensionati.
In base alla ripartizione degli iscritti tra le due categorie, e facendo un calcolo su uno stipendio medio in Italia (25.858 euro lordi, secondo l’Istat) e dunque considerando anche le pensioni medie (16.314 euro lordi, per l’Istat) si potrebbe fare un conto finale a tratti sorprendente.

La Cgil incasserebbe 741 milioni di euro e rotti (loro ammettono poco più della metà: 425 milioni). Cisl arriverebbe a 608 milioni (in via Po parlano di 80 milioni circa) e infine Uil: 315 milioni (in sede ridimensionano a un centinaio di milioni). Poverelli.

Espresso

Leave a reply